Rende, “Latitudini ribelli” è il ciclo di incontri promosso dall’assessorato alla cultura

1574683073930_image0
 “Latitudini ribelli” è il ciclo di incontri promosso dall’assessorato alla cultura del comune di Rende che partirà il prossimo 25 novembre alle 17,30 con “Educare alla libertà. Proposte per una pedagogia libertaria in Europa”.

Nella sala della biblioteca civica di Quattromiglia dialogheranno con 

Piotr Laskowski, storico dell’Universitá di Varsavia e fondatore del Liceo Multiculturale intitolato a Jacek Kuroń, Mara Papa, docente di chimica e storia naturale e l’assessora Marta Petrusewicz. Modererà l’incontro il ricercatore e storico Paolo Perri. 

“Che cosa significa -ha affermato la docente Unical- l’educazione libertaria nel XXI secolo? Come declinarla al tempo presente? Partendo da questi quesiti è nato Latitudini ribelli, spazio di riflessione e dibattito intorno a temi universali e di grande attualità”.

Il ciclo d’incontri proseguirà poi a dicembre con “Storie di coraggio e memoria”: Il sei alle 18,30 nella sala Tokyo del museo del Presente gli autori Alfredo Sprovieri e Francesco Veltri dialogheranno con il ricercatore Unical Francesco Campolongo e il giornalista Eliseno Sposato partendo dai loro volumi “Joca. Il Che dimenticato” e “Il mediano di Mathausen” editi rispettivamente da Mimesis e Diarkos.

“Due storie di resistenza -ha proseguito l’assessora- accomunate dal comune senso di libertà e democrazia”.

Ultimo degli incontri “Per una storia dei movimenti delle donne”, sempre al museo del presente il 21 dicembre alle 18,30, “appuntamento nato intorno alla recentissima uscita per Derive e Approdi di “Introduzione ai femminismi”, volume a cura di Anna Curcio”, ha concluso la Petrusewicz.

A dialogare con la sociologa sarà Laura Corradi, docente Unical di studi di genere e metodo intersezionale.

A coordinare gli incontri di dicembre sarà la giornalista Simona De Maria. 

image1

Condividi sui social000
Lucia De Cicco
CircaLucia De Cicco

Pubblicista OdG Calabria - Presidente dell'associazione culturale Nòstos Altri articoli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*