Beni confiscati per presunta affiliazione mafiosa

Beni per 2,5 milioni sono stati confiscati dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, a D. F. di 56 anni, di Roccella Ionica, ritenuto presunto contiguo alla cosca Mazzaferro di Gioiosa Ionica. Il provvedimento, emesso dal Tribunale Sezione misure di prevenzione su richiesta della Dda, ha interessato un’impresa edile, due terreni e rapporti bancari. A F. ed del suo nucleo familiare il 24 febbraio scorso erano stati sequestrati beni per 12 milioni di euro. L’attività costituisce la prosecuzione dell’operazione Crimine, nell’ambito della quale F. è stato condannato in appello a 2 anni per illecita concorrenza sleale pluriaggravata aggravata dall’avere agevolato una cosca. In particolare, secondo l’accusa, si sarebbe reso responsabile di una illecita concorrenza sleale volta al condizionamento dei lavori di esecuzione dei lavori di realizzazione del tratto della statale 106 -variante al centro abitato di Marina di Gioiosa Ionica.

Condividi sui social000
Lucia De Cicco
CircaLucia De Cicco

Pubblicista OdG Calabria - Presidente dell'associazione culturale Nòstos Altri articoli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*