Caldaie e Condensazione e Pompe di Calore come ottenere l’iva agevolata

Please enter banners and links.

Ancora Fino al 31 Dicembre 2016 si può rinnovare e convertire l’impianto di riscaldamento con l’acquisto di una pompa di calore o di una caldaia a condensazione approfittando degli incentivi e delle detrazioni fiscali attualmente attivi ed usufruendo inoltre di un’aliquota IVA agevolata, che passa dal 22% al 10% per i privati, i condomini e in generale i soggetti IRPEF. Questo cambiamento effettua non solo un taglio dei costi in bolletta, ma anche un notevole risparmio in sede di acquisto delle nuove apparecchiature e della componentistica in generale.

Come Risparmiare

Essenzialmente sono disponibili tre tipologie di alternative tra loro:

  • detrazione IRPEF-IRES al 50%, che riguarda ristrutturazioni e operazioni tese al risparmio energetico su complessi abitativi già esistenti e quindi regolarmente depositati al catasto, o comunque di cui sia già stata fatta richiesta di intervento catastale.
  •  detrazione IRPEF-IRES, al 65%, riguardante le cosiddette riqualificazioni energetiche, sempre su edifici a carattere residenziale già presenti sul territorio.
  • Conto Termico e si riferisce agli aspetti di efficienza energetica con l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili.

Inoltre i privati hanno la possibilità di usufruire di un ulteriore incentivo, ossia l’aliquota IVA al 10% piuttosto che al 22%, per lavori che riguardino una riqualificazione energetica, come ad esempio le pompe di calore e le caldaie a condensazione, sempre su strutture a carattere abitativo già presenti in sede catastale ma potrà essere utilizzato su uno delle tre tipologie di incentivo.

Rinnova il tuo impianto in modo conveniente

Con l’inverno opportuno pensare a come riscaldare la propria casa, e soprattutto risparmiando. Oggi con le pompe di calore e le caldaie a condensazione, si potrà notevolmente risparmiare ma è sempre bene rivolgersi a personale esperto per gli interventi di tipo tecnico e di montaggio.

Infatti, con la sostituzione del proprio vecchio impianto di riscaldamento con una caldaia a condensazione, abbinata anche ad una pompa di calore di ultima generazione, si potrà richiedere sia la detrazioni IRPEF del 50% o del 65%, più l’IVA al 10%, ovviamente fino al 31-12-2016, dopodiché questi interventi, a meno di rinnovi o proroghe saranno soggetti ad un’aliquota del 36%, con un tetto massimo fissato a 48.000 euro di cifra detraibile.
Si ricorda che i soggetti beneficiari del 50% sono esclusivamente le persone fisiche mentre il 65% è richiedibile sia dalle persone fisiche che dalle aziende, che mirano ad effettuare non solo ristrutturazioni o lavori di manutenzione, ma anche interventi tesi al risparmio o alla riqualificazione energetica, con l’adeguamento di impianti vecchi a favore dei più moderni sistemi di riscaldamento e produzione di energia.
Come sappiamo, tutti i pagamenti inerenti a tali lavori devono essere effettuati tramite bonifico bancario e le detrazioni relative alle suddette cifre verranno spalmate sui 10 anni successivi all’acquisto.

IVA al 10%, che cosa è

L’ “IVA al 10%” è totalmente slegata dalla normative inerente alle imposte IRPEF, come ad esempio quelle al 50% e al 65%.
Infatti, sono diverse le aliquote IVA che riguardano materiali, prodotti e prestazioni di tipo professionale, che sono invece soggette alle quote fissate per quegli interventi definiti di “recupero del patrimonio immobiliare”, tuttavia con alcune eccezioni.
In generale l’IVA 10% si può applicare per importi relativi alla manodopera presa in carico per interventi di manutenzione (sia ordinaria che straordinaria), per il pagamento dei materiali e per quello della componente tecnica, come caldaie e pompe di calore, sempre nel medesimo ambito di interventi di manutenzione.

 


Confronta fino a 4 Preventivi Gratis su Tucommit 

Calcola la tua Classe Energetica Gratis su Tucommit


Calcola Risparmio Energetico Gratis su Tucommit

 

Please enter banners and links.

Condividi sui social000

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*