Castello Svevo “Isabella e don Diego”, spettacolo in musica con l’ensemble “Graziosi Ardimenti”

Please enter banners and links.

Appuntamento da non perdere quello del prossimo 17 dicembre, alle ore 19,00, al Castello Svevo. Patrocinato dal Comune di Cosenza, dalla Provincia e dal “Rotary Club” di Rogliano, proprio all’interno del maniero federiciano è in programma lo spettacolo di teatro in musica “Isabella e don Diego – Corrispondenza d’amorosi sensi”.

Realizzato dal gruppo barocco cosentino “Graziosi Ardimenti”, attivo dal 2015, anche nel campo della ricerca, della didattica e delle attività di promozione della musica barocca, soprattutto a beneficio del pubblico giovanile, lo spettacolo, ideato   in collaborazione con il regista Antonello Lombardo, parte da una fedele ricostruzione storica scritta da Flavio Nimpo in forma di copione. La revisione storiografica è stata realizzata prendendo le mosse da documenti bibliografici poco conosciuti che narravano dell’amore contrastato tra due personaggi che hanno abitato in Calabria, a Cosenza, essendo la prima, Isabella Morra, una nobildonna originaria della Basilicata, e il secondo, Diego Sandoval de Castro, il castellano di Cosenza fedele a Carlo V.

Costruito come un “Pasticcio” d’epoca barocca, con momenti recitati accompagnati dalla musica, da momenti danzati e dal bel canto, lo spettacolo vede la partecipazione dei quattro componenti dell’ensemble “Graziosi Ardimenti”, Barbara Tucci (soprano) che vestirà i panni della sfortunata Isabella Morra, Sabrina Donato (traversiere), Fausto Castiglione (viola da gamba), Donatella Chiodo (clavicembalo) e dello stesso Falvio Nimpo come narratore della vicenda e nei panni del castellano di Cosenza, Don Diego Sandoval de Castro. La rappresentazione sarà arricchita da costumi d’epoca utili a ricreare l’atmosfera dell’epoca. I vestiti sono stati realizzati dalla sartoria Atelier di Cosenza seguendo le indicazioni della storia del costume e della moda dell’epoca, utilizzando broccati che rispondono allo stile.

Il gruppo musicale “Graziosi Ardimenti” utilizza strumenti musicali originali o ricostruiti secondo le tecniche dell’epoca, con accordatura a 415, temperamento non equabile, tipicamente barocca. La musica scelta per lo spettacolo ricostruisce splendidamente le atmosfere e  i quadri della vicenda ed è tratta da brani famosi di Vivaldi, Haendel, Ortiz, Marais, Boismortier

La pregevole ricostruzione storica della vicenda di Isabella e Diego, barbaramente uccisi dai fratelli di lei, fa luce non solo su un episodio inedito della Cosenza del ‘600, ma anche sulle liriche dei due. Ritrovate e studiate le lunghe e particolari epistole fra i due amanti, arricchite di rime e di afflati poetici. Al riguardo, si ricorda che, specialmente Isabella Morra, catturò l’interesse di Benedetto Croce che analizzò i suoi versi e ne pubblicò un volume di critica letteraria.

“Siamo stati ben lieti – sottolinea Eva Catizone , delegata per la Cultura del Sindaco Mario Occhiuto – di aver patrocinato lo spettacolo di “Graziosi Ardimenti”, sia perché rievoca una pagina legata alla storia della nostra città, di cui non tutti sono a conoscenza, sia perché, nell’ambito del percorso di valorizzazione del Castello Svevo,  parte importante della nostra identità e tornato a nuova vita grazie al Sindaco Occhiuto, dedica un’attenzione particolare alla promozione della musica antica affinché sia fruita anche dalle giovani generazioni”.

lensemble-graziosi-ardimenti

Please enter banners and links.

Condividi sui social000
Avatar
CircaLucia De Cicco

Pubblicista OdG Calabria - Presidente dell'associazione culturale Nòstos lucia.decicco.70@gmail.com Altri articoli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*