Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti alla Cittadella

L'assessore Barbalace ha aperto la sessione programmatica

Please enter banners and links.

Si sono aperti ufficialmente stamani, nella sede della Cittadella regionale, i lavori della XVI sessione programmatica del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti. Si tratta della prima volta – informa una nota dell’ufficio stampa della giunta regionale – che l’importante congresso nazionale delle associazioni dei consumatori si tiene in Calabria. A dare il benvenuto a tutti i rappresentanti nazionali è stata l’Assessore regionale allo Sviluppo economico Carmen Barbalace che ha sottolineato l’importanza di questa inziativa a cui partecipano, non solo le associazioni, ma anche qualificati esperti in materie sociali ed economiche. “La Casa dei calabresi – ha dettol’Assessore Barbalace – sarà per due giorni la casa dei consumatori italiani che si confronteranno su tematiche molto delicate ed attuali com’è appunto il tema a cui sono dedicati principalmente i lavori di quest’anno: il ruolo delle associazioni e delle amministrazioni pubbliche nell’economia collaborativa, la cosiddetta “sharing economy”. Un tema fortemente attuale a cui serve dare nuovi assetti legislativi da parte delle amministrazioni pubbliche. Per questo, e soprattutto per dare maggiore protezione ai consumatori e agli autenti della nostra regione, abbiamo preparato un disegno di legge che porteremo domani all’approvazione della Giunta, sulla tutela del consumatori. La Calabria non può più rimanere indietro su questi temi”. Dopo l’Assessore Barbalace è intervenuto il Sottosegretario di Stato all’Economica e Presidente del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli utenti Antonio Gentile, che ha approfondito alcuni argomenti oggetto di attenzione, da parte del Governo in materia di consumo e diritti economici. “Non c’è dubbio – ha detto Gentile – che temi come l’economia collaborativa e la contraffazione delle merci rappresentano argomenti di strettissima attualità nel mondo moderno. In alcuni casi rileviamo talvolta un doppio ruolo del consumatore: fruitore e fornitore, ed è compito della politica trovare punti di equilibrio tra le sigenze di protezione dei consumatori e le restrizioni sui privati. Così come delicata è la normativa fiscale che deve essere generata in tale universo. La storia degli ultimi quindici anni è contraddistinta, non a caso, dalla continua tensione tra l’apertura al futuro e la protezione del passato. Per questo, oggi, ragioniamo assieme ai massimi attori di questo sistema, attraverso un proficuo scambio di idee e conoscenze, che ci consenta di supportare il più possibile un quadro normativo più esaustivo, sia in campo nazionale che in chiave regionale”.

Please enter banners and links.

Condividi sui social000

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*