La prima edizione Premio Vincenzo Ammira’

Dalla voce di alcuni protaginisti

Grande successo per la presentazione del Premio di poesia Vincenzo Ammirà, noto come “Poeta maledetto” per aver scritto contro il Potere e il buon costume… In questo contesto nasce l’idea di una prima edizione del premio per restituirlo al suo territorio d’appartenenza che è l’antica Monteleone, oggi Vibo Valentia. L’idea creativa nasce dalla mia opera che rappresenta il grande Ammirà , presentata già una volta nel famoso palazzo Gagliardi a Vibo Valentia, evento di spessore: “800 l’impero della rosa” al quale diede risalto il Tg regionale, in quella occasione dissi: che avrei fatto, nell’anno successivo, presentare la prima edizione di poesia dedicata al personaggio, ma sono passati tanti anni, dal 2016 siamo arrivati al 2019, ma non è mai troppo tardi, specie quando si ha la grande dote di creare e organizzare un evento, un’attività che richiede sforzi e cura dei dettagli e che caratterizzano i rapporti d’amicizia, la lealtà, l’affetto e la gratuità.

Ma la fortuna più grande è stata avere l’onore di trovare l’ ottima giuria in collaborazione con la poetessa e scrittrice, Caterina Tagliani, alla quale mi lega una sincera amicizia e di cui sono orgogliosa. La giuria qualificata composta da ottimi elementi che ho citato più volte : Pippo Prestia, Anna Maria Deodato, Angela Varì, Silvana Costa  che insieme hanno svolto caparbiamente il proprio lavoro nelle scelte poetiche.

I poeti partecipanti sono stati 154 alla fine sono stati selezionati 82 poeti, i primi sei vincitori hanno ricevuto la targa di Michele Affidato, una coppa Caterina Morabito, che ha dedicato i suoi versi poetici proprio al poeta Ammirà dando risonanza al suo essere poeta maledetto e alla quale poesia è stata dedicata una video poesia dal titolo: “Rimenbranza” grazie a Giancarlo Giambra, che ha instaurato ottima collaborazione con Maurizio Bonanno realizzando una importante diretta web.  E tutti gli altri poeti hanno ricevuto attestato di partecipazione e  targhe di merito.

La Giuria, inoltre, ha inteso assegnare un Premio speciale con medaglie e attestato agli alunni dell’ICI “Murmura” di Vibo Valentia. “La perseveranza è il duro lavoro di tutti noi è stato premiato con il successo”.

Hanno contribuito alla riuscita dell’evento le Istituzioni con loghi e patrocini: la Provincia di Vibo, il Comune di Pizzo, Zambrone, Stefanaconi, l’Accademia Nazionale di cultura sportiva di Roma, la ditta Caffo, I Maestri del lavoro Regione Calabria, la F.I.D.A.P.A, e tanti altri.

Oltre alla mia opera realizzata su Vincenzo Ammirà posso dirlo pubblicamente è unica e la terrò come una reliquia, così  anche la bellissima autentica firma di Vincenzo Ammirà realizzata dall’artista Antonella Oriolo “l’artista delle stoffe”, pluripremiata, molti dei suoi lavori risaltano nelle copertine di antologie prestigiose ediz. Ursini…tra una firma e l’altra ha saputo realizzare un’ opera artistica che nel tempo sono certa acquisterà crescente valore.

Per non dimenticare il poeta maledetto, la mia opera e la firma di Ammirà dell’Oriolo saranno protagoniste della nuova antologia in cui verranno inserite le poesie dei partecipanti …ma di questo ne parleremo più avanti…

Mi ero promessa di fare solo la prima edizione ineffetti nella presentazione non ho conferito “Prima edizione” anche perché avrei voluto fare dell’altro e molto di più, credo che la mia mente sia vulcanica e come già sono stata definita da un noto scrittore, Giuseppe Rebecca…mi sento in debito nei confronti di Ammirà e occorre portare a termine la sua storia, approfondirla e far nascere la nuova antologia, perché tutto sarà consegnato alla storia.

Ringrazio la giornalista e presentatrice Patrizia Venturino per aver presentato il Premio Ammirà nella bella sala congressi dell’Hotel 501 e Mimmo Stirparo che ha dato continui comunicati giornalistici.

Ho omaggiato tutti coloro che hanno contribuito e collaborato, di una targa ricordo, alla giuria, al Presidente della Provincia Salvatore Solano e il Premio di Merito per la prestazione al violinista Eugenio Panzarella. Ringrazio il Console regionale della Calabria della Federazione Nazionale dei Maestri del Lavoro d’Italia Francesco Saverio Capria, omaggiato con una targa “Per il costante impegno, profuso a favore dell’arte e della cultura.”

La prima edizione è stata come un assaggio anche per i poeti e per tutti noi. Non manchera’ per il 2020 data da stabilire una seconda edizione.

Il Presidente del Premio Ammirà Caterina Rizzo

received_683350265441739

20190615_095915

20190615_111613

Fare il giurato in un concorso di poesia non è certo cosa semplice, ma questa non è una novità, questo Premio però, diciamo che pur essendo a tema libero, era dedicato a un grande personaggio che né Vibo né la Calabria dovrebbe dimenticare. L’idea è partita da Caterina Rizzo che già tre anni fa gli dedicò un dipinto in una delle sue grandi Mostre ” ‘800, l’Impero della rosa” ed ha voluto quindi riportarlo alla memoria dei vibonesi e non solo, attraverso un Premio di poesia in due sezioni, lingua italiana e vernacolo.

Debbo dire che mi sono attenuta espressamente al Regolamento e se è vero come qualcuno ha detto, abbiamo dato troppi premi, è anche vero che le poesie eliminate erano solo non conformi al Regolamento. Con la Giuria c’è stata molta sinergia, ciò non toglie che il compito di leggere 154 poesie non è stato facile, tante, moltissime belle, ma tutte non possono arrivare sul podio e questa è stata una grande difficoltà, non abbiamo concesso proroghe e qualche lamentela in tal senso c’è stata, ma, come ho già detto, ho rispettato il Regolamento in ogni sua parte. L’unica poesia dedicata ad Ammirà è stata quella di Caterina Morabito ” Rimembranza” e mi è piaciuto leggerla, segnalarla alla Giuria per un premio speciale, dare la mia voce a dei versi tanto belli scritti dalla poetessa, il filmato realizzato da Giancarlo Giambra di “Live Profumo di Vita” direi che ha dato maggior significato alla lirica. Possiamo anche segnalare il fatto che Il Premio Ammirà è stato il primo premio ripreso in diretta e trasmesso integralmente via Web in collaborazione con Maurizio Bonanno. Per i poeti sul podio in entrambe le sezioni, le targhe sono state realizzate dal Maestro Orafo crotonese Michele Affidato del quale non c’è bisogno di scrivere, perchè conosciamo bene la sua notorietà come orafo dei Papi, del Festival di Sanremo, testimonial dell’Unicef per la Calabria e al quale mi lega un’ affettuosa amicizia e profonda stima con tutta la famiglia, le altre targhe sono state realizzate da vari sponsors. Come ho detto nel mio saluto ai poeti, “non abbiamo cercato novelli D’Annunzio o nuovi Pascoli, ma poeti che dedicassero versi al poeta maledetto e li abbiamo trovati.”

Sono felice della partecipazione, dei poeti venuti anche da molto lontano per la premiazione, una seconda edizione cercando sempre di migliorare, dove vi siano state delle pecche, credo sia possibile e rifarei tutto con lo stesso impegno, seguendo sempre il Regolamento. Il mio ringraziamento va a Caterina Rizzo con la quale mi lega una lunga amicizia e che apprezzo per la sua determinazione, con lei abbiamo realizzato tante cose e continueremo insieme …

Ci tenevo a precisare che a differenza di molti concorsi ai quali vengono inviate poesie premiate più volte, le nostre erano inedite (poi che fra il bando e la premiazione qualche concorso è uscito prima del nostro non fa niente, quando sono state inviate lo erano).

Caterina Tagliani, poetessa e scrittrice pluripremiata  membro giuria premio V. Ammirà 

20190615_130745

FB_IMG_1562944475365

La giuria

La giuria

20190615_103504

 

20190615_103756

Rimenbranza

La sera dipinge con passione
una melodia gentile
a rammentar del poeta il suo viaggio
agghindato negli assopiti borghi
da fotogrammi , dipinti e frammenti di vita .

Era schietto e colto il giovinetto dagli occhi piccolini
impettito dai silenzi cupi
dalla barba folta come ornamento e la pelle imbrunita.

Correva tra i vichi di Monteleone
dove più non giunge l’odore dell’olio d’oliva a macerare 

dove ogni crepa e ogni risalita fa eco e placa l’arsura .

Oggi come ieri
gli uliveti ordinati e ombrosi
i campi di grano odorosi
l’ondeggiare delle zagare in fiore nelle notti insonni
l’ozio tra le verdi tinte
il canto mesto all’infinito cielo
e il rintocco di una campana
condito dai sussurri alla bella e gelida luna .

A memoria dei fonemi il suo dono
dei passi lenti tra i decori antichi l’amata gioventù
del tumulto del suo cuore
l’amore e il disincanto di forma e di colore
la Ceceide e il suo vietato sapore
e come dolce succo d’ambrosia la ” Pippa”
compagnia di tanto ardore .

Stanotte
sospiri profondi trapuntano il petto
per il poeta patriota e poi poeta maledetto
e nelle infinite vie Vibo s’appresta a germogliar poesie.

A Vincenzo Ammirà

di Caterina Morabito 

da sin. Caterina Tagliani, Caterina Morabito, Caterina Rizzo

da sin. Caterina Tagliani, Caterina Morabito, Caterina Rizzo

Io credo che un premio dedicato a Vincenzo Ammirà, poeta vibonese ai suoi tempi tanto contestato e ormai caduto nel dimenticatoio, mi abbia suscitato tanta curiosità, mi ha stimolata e per questo ho voluto rendergli omaggio con una poesia interamente a lui dedicata.
“Rimembranza” è frutto delle mie impressioni sulla sua biografia, le sue opere, ogni cosa che m’ispirasse a scrivere .

Per quanto riguarda il video, il merito è di Caterina Rizzo, che ha contattato Giancarlo Giambra di Live Profumo di vita (non è un regista) è un amante della poesia, gli piace creare video .
Una sorpresa nella sorpresa per me tanto gradita, soprattutto, per il coinvolgimento della poetessa Caterina Tagliani, nonché Presidente della Giuria la quale stimo moltissimo, lei ha dato la voce ai miei versi ed è stata l’anima pulsante del video. 
E poi si parteciperò molto volentieri alla Seconda Edizione del premio, anche se non ho in mente al momento alcunché.
In “Rimembranza” è racchiusa tutta l’essenza del poeta.

Caterina Morabito, poetessa, premio speciale Vincenzo Ammira’ 

received_2317529585232388

Leggi pure:

http://www.alvolonews.it/grande-successo-del-premio-vincenzo-ammira-nella-sua-prima-edizione/

Condividi sui social000
Lucia De Cicco
CircaLucia De Cicco

Pubblicista OdG Calabria - Presidente dell'associazione culturale Nòstos Altri articoli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*