Legge Di Bilancio 2018, anticipazioni sull’Ecobonus

Nella Legge di Bilancio 2018 saranno contenute le prime misure attuative della Strategia energetica nazionale presentata dal Governo nei giorni scorsi. Quello che si prevede va nella direzione di creare incentivi maggiori agli interventi per l’efficientamento energetico degli edifici, con maggiori aspettative sul risparmio. Gli obiettivi della Sen è la decarbonizzazione dell’economia entro il 2025, attraverso il dialogo con le Amministrazioni locali e iniziative normative,che passano dalle politiche per incentivare l’efficienza energetica degli edifici già inserite o che verranno inserite nella Legge di Bilancio 2018.

Fino ad oggi, gli interventi di efficienza energetica nel residenziale hanno incontrato due ostacoli:

  • scarsa consapevolezza dei consumatori
  • costo elevato degli investimenti iniziali.

La Sen per superare questi ostacoli vuole ottimizzare il meccanismo delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica e per il recupero edilizio, modificando la detrazione in modo che diventi uno sconto sulla base della previsione del risparmio che ci si aspetta.

Ecobonus 2018: le novità

Vediamo ora, sulla base delle prime infidscrezioni, quali potrebbero essere i cambiamenti per la detrazione fiscale per la riqualificazione energetica:
1. integrazione tra ecobonus e sisma bonus;
2. calcolo dei risparmi generati dalle detrazioni fiscali per il recupero edilizio;
3. introduzione di massimali unitari di spesa per ogni tipologia di intervento;
4. allargamento della cessione credito. Su questo punto la Sen intende usare il Fondo nazionale per l’efficienza energetica per stimolare i finanziamenti per l’efficienza energetica da parte delle banche. Il Fondo privilegerà gli interventi standardizzati con risparmi energetici certi sulla base di parametri prestabiliti;
5. cessione del credito: oltre che per gli interventi sulle parti comuni degli edifici, verrebbe resa possibile anche per chi esegue lavori di efficientamento sulla singola unità immobiliare. Ne avevamo già parlato qui.
6. istituzione di un Fondo (fino a 150 milioni di euro) per garantire chi chiede un prestito per pagare gli interventi di riqualificazione energetica;
7. stabilizzazione degli incentivi per gli interventi di riqualificazione energetica che interessano l’intero edificio.
8. iniziative per favorire l’aggregazione e la standardizzazione degli interventi di riqualificazione profonda degli edifici, anche a livello di quartiere;
9. favorire l’acquisto di abitazioni in alta classe energetica.

Alcune misure attuative di queste linee guida sono state inserite nella Legge di Bilancio 2018. Un’altra novità, riguarda l’abbassamento dal 65% al 50% della detrazione per schermature solari, infissi e caldaie a condensazione e biomassa, motivata dal fatto che il rendimento reale di questi interventi è più basso rispetto ad altri.

 

 

Condividi sui social000

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*