Piano di Rientro e livelli LEA, la sanità in Calabria

RELAZIONE INTEGRALE DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE MARIO OLIVERIO NEL CORSO DELLA SEDUTA ODIERNA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA SULLA SANITA’

 

La Calabria è una della Regioni sottoposte a Piano di Rientro ed a Commissariamento. Tale operazione ha avuto inizio con la Giunta Loiero che nel 2009 con D.G.R. n. 752, integrata dalla D.G.R. n. 845/2009 esplicitava detto piano, affidando alla Giunta Regionale, in via esclusiva, la competenza a definire, proporre, stipulare, attuare, monitorare e rimodulare con lo Stato l’accordo per il rientro dai disavanzi, al fine di pervenire al risanamento strutturale del S.S.R., anche attraverso la ristrutturazione dei debiti contratti, il tutto in applicazione dell’art. 1 comma 180 L. 1312/2004 n. 311.

IMG_5159La successiva Giunta, senza aspettare che almeno passasse un anno per verificare l’andamento del Piano di Rientro, concordava con il Governo il commissariamento della Regione Calabria che in data 30 Luglio 2010 con una Delibera del Consiglio dei Ministri nominava il Presidente pro Tempore quale Commissario ad acta per l’attuazione del Piano di Rientro, il tutto seguito dalla nomina di due Sub commissari a supporto dello stesso Presidente/Commissario ad acta.

La Regione Calabria iniziava uno dei periodi più difficili per il suo SSR in quanto oltre ad essere una delle Regioni in Piano di Rientro, diveniva anche Regione commissariata.

Commissariamento che si protrae ormai da circa 6 anni e che la sottopone a costante monitoraggio da parte di un Tavolo composto da Dirigenti del M.E.F. e del Ministero della Salute  che verifica gli adempimenti della gestione commissariale e i livelli essenziali di assistenza.

L’analisi di tutti i verbali Ministeriali, anche alla luce dell’odierno “rapporto 2016 sul coordinamento della finanza pubblica” appena redatto dalla Corte dei Conti, nonché  dei risultati indiscutibili che oggi sono sotto gli occhi di tutti, sanciscono il fallimento politico della gestione commissariale .

Sei anni di commissariamento non solo non sono serviti a risolvere alcuni annosi problemi della nostra sanità (inefficienze, duplicazioni, sprechi, localismi e casi di scarsa trasparenza) , ma li hanno paradossalmente spesso aggravati. Essi evidenziano come le buone intenzioni non siano sufficienti a surrogare alcune scelte che, in quanto politiche, appaiono necessarie per creare una inversione di tendenza reale.

I Verbali del Tavolo Tecnico, compreso quello più recente, hanno preso in considerazione tutti gli aspetti della gestione commissariale e hanno fatto, in particolare, una analisi stringente sullo stato dell’arte in merito alla erogazione dei LEA.

In pratica risulta che la Calabria non garantisce i LEA e 6 anni di  commissariamento non hanno sostanzialmente modificato tale situazione, aggravata dalla adozione della logica dei tagli lineari indiscriminati e dalla assenza di idee chiare sulle reali criticità e quindi sugli interventi necessari a correggerle.

>>>Continua nel modulo pdf in alto

Condividi sui social000
Lucia De Cicco
CircaLucia De Cicco

Pubblicista OdG Calabria - Presidente dell'associazione culturale Nòstos Altri articoli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*