Rottamazione Cartelle Equitalia

I contribuenti che hanno debiti iscritti a ruolo presso agenti di riscossione, come ad esempio Equitalia, hanno la possibilità di usufruire della cosiddetta “rottamazione delle cartelle”, con cancellazione delle sanzioni e degli aggi, degli interessi di mora e di dilazione, e delle altre sanzioni e delle somme aggiuntive, cioè degli accessori dovuti sui ritardati od omessi pagamenti. Potranno beneficiare della rottamazione tutti i contribuenti: persone fisiche, società di capitali e di persone che hanno debiti presso gli agenti di riscossione (equitalia) negli anni che vanno dal 2000 al 2016. Entro il 28 febbraio 2017 l’agente di riscossione comunicherà a ciascun contribuente tramite posta ordinaria, tutti i carichi che gli sono stati affidati nell’anno 2016 e per i quali, alla data del 31 dicembre 2016, risulta non ancora notificata la cartella di pagamento, ovvero inviata l’informazione degli avvisi di accertamento esecutivi. Il contribuente avrà tempo fino al 31/03/2017 per presentare un’apposita dichiarazione di definizione agevolata, con il pagamento integrale del dovuto o tramite pagamento dilazionato in 5 rate. Nella dichiarazione, da presentare all’agente della riscossione, il contribuente: indica il numero di rate nel quale intende effettuare il pagamento, specifica la pendenza di giudizi aventi ad oggetto carichi cui si riferisce la dichiarazione, si impegna a rinunciare agli stessi giudizi. Entro il 31 maggio 2017, l’agente della riscossione comunicherà ai contribuenti che hanno presentato la dichiarazione per la definizione agevolata: l’ammontare complessivo delle somme dovute ai fini della definizione, l’ammontare delle singole rate, il giorno e il mese di scadenza di ciascuna rata. Fermo restando che il 70% delle somme complessivamente dovute deve essere versato nell’anno 2017 e il restante 30% nell’anno 2018. 

 by dottor Pietro Luigi Cairo, autore

Condividi sui social000
Pietro Luigi Cairo
CircaPietro Luigi Cairo

Dottore Commercialista Revisore Legale dei conti Altri articoli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*