Speciale Casa in Bioedilizia… Chiariamo alcuni dubbi parte seconda

Please enter banners and links.

In questo secondo speciale sulle case in Bioedilizia (Ecco il link del primo Speciale), cercheremo chiarire i secondi 8 dubbi che maggiormente sorgono all’idea di costruire una casa in Bioedilizia. In questa seconda fase, le domande a cui cercheremo di rispondere  comprendono le tipologie, costi e modalità di realizzazione di una casa in bioedilizia.

1 Tipologie di fondamenta utilizzate nella casa prefabbricata in legno

In generale vengono utilizzate tre tipologie di fondamenta tra cui:

  • platea in cemento armato (realizzata con calcestruzzo armato a forma di parallelepipedo, con spessore che varia in genere da 40 cm a 100 cm)
  • a vespaio (camera d’aria, o vano isolante, che si realizza nelle costruzioni al fine di migliorare le condizioni dell’ambiente abitativo che può variare dai 25 cm fino ai 40 cm)
  • a colonne

Costi per costruire una casa prefabbricata in legno

In termini generali, il prezzo al metro quadro è inversamente proporzionale rispetto alle dimensioni totali dell’edificio, cioè più una casa prefabbricata è grande e meno costa proporzionalmente (in quanto i costi di cantiere possono essere considerati sostanzialmente fissi).

Una variabile che può incidere sul costo è dalla tipologia del terreno, dalle fondazioni e dal livello degli impianti che si vogliono installare, infatti, gli elementi di finitura sono quelli che incidono in modo essenziale sul prezzo finale. I costi medi casa prefabbricata al mq per dimensioni complessive di circa 150 mq possono variare per il grezzo avanzato 800-950 euro mentre con tipologia chiavi in mano 1.150-1.450 euro. Per quanto riguarda la definizione di un costo medio vi consigliamo di utilizzare il simulatore gratuito Costo Casa in Bioedilizia al seguente link

 

Personalizzare la casa in legno

Per quanto riguarda la personalizzazione della casa in bioedilizia c’è ampio margine di manovra. Infatti con questa tipologia costruttivo si potrà realizzare la casa che il cliente desidera e non di proporre soluzioni standard senza personalizzazioni, come può accedere nelle costruzioni in cemento.

4 Aliquota iva per una casa in legno

L’aliquota iva per una casa in legno è variabile dal 4-10% in base alla tipologia di abitazione da realizzare, cioè se essa risulta come prima casa o no.

5 Casa in bioedilizia, è davvero ecologica

Le case in bioedilizia sono assolutamente ecologiche in quanto realizzate con materiali completamente rinnovabili o riciclabili. C’è da dire che la scelta del livello di ecocompatibilità incide sui costi (si possono utilizzare anche componenti naturali nei cementi e, in generale, in tutti i prodotti impiegati nella costruzione).

6 Costi di assicurazione, differenza tra una casa in legno rispetto ad una tradizionale

In generale sul mercato numerose compagnie assicurative permettono di assicurare la casa in legno a valori uguali a quelli delle case tradizionali (i costi di assicurazioni medi partono da 150 – 200 euro all’anno per una casa di valore pari a 200.000 euro). Inoltre, il costo dell’assicurazione aumenta in base al valore dell’immobile e al livello delle coperture assicurative richieste quali incendio, eventi atmosferici, furto o assistenza tecnica.

7 Garanzia di casa in bioedilizia

Una casa in bioedilizia è garantita generalmente dalle aziende del settore almeno per il periodo pari all’obbligo di garanzia di legge degli edifici tradizionali che è di 10 anni. Vi sono alcune aziende costruttrici che assicurano le strutture per 20 anni e forniscono in aggiunta una garanzia biennale postuma di 24 mesi per tutte le opere realizzate, oltre a un piano di controllo e manutenzione per l’intero primo anno.

8 La casa in legno è soggetta a maggiori rischi d’incendio

Il pensiero comune è che il legno sia altamente infiammabile è senz’altro da ridimensionare, infatti il comportamento al fuoco è piuttosto interessante e paradossalmente, lo rende più sicuro e resistente. In generale la carbonizzazione dello strato esterno del legno forma una pellicola protettiva che preserva gli strati interni e, ne cosegue la capacità di resistenza al collasso per un lungo periodo di tempo. Ovviamente, il legno brucia, ma molto lentamente. Questa particolarità non è trascurabile in un incendio di una casa prefabbricata in legno, perchè se spento in tempi brevi, può nella maggior parte dei casi danneggiare l’edificio solo parzialmente, scongiurandone l’abbattimento. Bisogna dire che di fronte a temperature elevate non esistono strutture immuni al fuoco. Infatti, l’acciaio, in particolare, perde le proprie capacità portanti e collassa senza preavviso a temperature inferiori e per esposizioni di tempo minori rispetto al legno. Da analisi fatte, le case prefabbricate in legno che hanno subito danni da fuoco possono essere recuperate in molti casi, soprattutto se la tenuta dei cartongessi interni e del cappotto isolante esterno si è dimostrata efficace. Infatti, questi materiali hanno una buona resistenza al fuoco e proteggono efficacemente la struttura interna dell’edificio, per un considerevole periodo di tempo.

Nel prossimo speciale ci occuperemo nello specifico delle informazioni post realizzazione cercando di chiarire i principali dubbi di questa terza fase.

Vorresti conoscere il costo per realizzare la tua casa in Bioedilizia? Inserisci la tua richiesta gratuita e senza impegno per essere contattato da un professionista della tua zona! Prova, è facile veloce e gratis!

 

 

 

 

 

Please enter banners and links.

Condividi sui social000

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*