Al liceo sportivo di Castrolibero, Giacomo Crosa campione di salto in alto

dig

Un appuntamento da non perdere quello tenutosi ne giorni scorsi a Castrolibero con l’atleta, giornalista e maestro, Giacomo Crosa. 

dav

Interessanti gli interventi che hanno preceduto quello decisivo di Giacomo Crosa, tutti hanno vertito sull’importanza dell’atletica nella formazione del giovane, soprattutto per chi ha scelto un percorso importante come quello di un Liceo sportivo, lo studio, la costanza e l’aggiornamento sono alla base di uno sportivo completo.

Tutti dalla dirigete scolastica, Maletta, al sindaco Greco, a Stancati, Granata, Caira si sono fermati sulla figura di Crosa atleta, ma anche sull’importanza di portare la tuta come uno status e quindi con rispetto.

sdr

È intervenuta anche l’insegnante Loredana Sirianni e i suoi studenti/allievi che hanno mostrato, attraverso un video, le attività svolte durante l’anno e in un articolo (ricordiamo che Crosa ebbe anche una brillante carriera giornalistica) ribadito il cardine dell’attività sportiva, che è partecipazione in vista di un obiettivo positivo, senza mai tralasciare il percorso per arrivare a certi traguardi. 

Giacomo Crosa ha discusso di una tecnica, della disciplina da lui con onore portata avanti, il ventrale oggi scomparsa dai giochi olimpici. Ma ha dato, in una carrellata di ricordi personali, molto messaggi ai giovani futuri atleti: partecipazione, concentrazione sull’obiettivo, cultura, studio, costanza. 

dig

A proposito di cultura, la sottolineatura dal non prescindere dai “romanzi” di vita di tanti atleti del passato, che ancora oggi detengono record mondiali, ma che hanno vissuto anche l’essere persone comuni e l’atletica come riscatto sociale. 

Si definisce un uomo fortunato Crosa, ma anche un atleta che ha sempre dato valore ad ogni tappa del suo percorso sportivo, anche nell’insuccesso; la partecipazione ai giochi olimpici rappresenta un grande traguardo, che forse oggi molta informazione tende a minimizzare, con poca conoscenza, a partire dai termini adatti nello scrivere alla conoscenza dei personaggi e della storia, finendo nel criticare in modo non adatto un insuccesso, che sottovaluta il successo più importante che è l’Olimpiade di ogni atleta.

sdr

Hanno partecipato: prof.ssa Iolanda Maletta, dirigente, il sindaco di Castrolibero, Giovanni Greco, il presidente del Circolo della stampa di Cosenza, Franco Rosito (che ha introdotto al personaggio e ricordato il suo percorso di giornalista sportivo) Francesca Stancati del Coni Cs, Deborah Granata Cip Cs, Vincenzo Caira Fidal Cs. Ha moderato Franca Ferrami CSAIn Cs e giornalista. 

dav

Servizio di Lucia De Cicco, pubblicista 

 

 

Lucia De Cicco
CircaLucia De Cicco

Pubblicista OdG Calabria - Presidente dell'associazione culturale Nòstos Altri articoli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*