Barriere architettoniche e disabilità, l’incontro voluto da Proiezione Calabria

Parlare della disabilità sembra ormai scontato in un’epoca, dove altrove barriere architettoniche, servizi e strutture sono pienamente superate e funzionanti, purtroppo in Calascreenshot_2016-12-03-21-19-45-1bria le cose non sono così scontate e ancora i ritardi nella nostra Regione fanno i conti tutti gli anni con l’inizio della scuola pubblica. Luogo, dove maggiormente è visibile l’arretratezza dei servizi verso le persone diversamente abili, e quando si tocca la famiglia le cose prendono enfasi e disagio maggiore. Le preoccupazioni delle famiglie in questo stato di ritardo sono tante e il “dopo di Noi” preoccupa non poco. Una tavola rotonda lo scorso 17 dicembre nella ex circoscrizione di Cosenza in Via Popilia ha voluto essere un momento di incontro con l’associazione AIPD (persone Down) e Nemo dalla parte dello sport per ragazzi down e con patologie della mobilità, che cercano di inserirsi tra i normodotati attraverso lo sport, il nuoto in particolare. Delle due associazioni erano presenti la presidente Chiara Greco, e della Nemo l’assistente sociale Alessandra Trozzo, trattenuti per l’inaugurazione di Piazza Bilotti, Il sindaco architetto Mario Occhiuto, Alessandra De Rose e Sergio Del Giudice, membri dell’Amministrazione della Città e la contemporaneità degli eventi, ha fatto si che anche il Consigliere De Cicco si trattenesse per i saluti e per garantire una disponibilità a concedere un turno alle associazioni presenti presso la circoscrizione in un futuro prossimo, cosa che ha voluto sottolineare anche il consigliere Giovanni Cipparone, che si è trattenuto per tutta la durata dell’evento interagendo con le famiglie e le Associazioni presenti. Toccando argomenti, che riguardano alcune strutture abbandonate della Città, come la piscina di Via Bendicenti e garantendo, per quanto nelle sue possibilità, un luogo, una sede per le associazioni, soprattutto l’AIPD che ne ha fatto espressa richiesta in forma gratuita. Le Associazioni presenti hanno esposto i servizi, che possono offrire al momento, l’AIPD con operatori preparati e tirocini formativi di cui però si sente il bisogno e che al momento non v’è possibilità di garantire. La Nemo ha basato la sua attività sull’autonomia, che lo sport come il nuoto, soprattutto, può dare a questi ragazzi  e che pare dia grandi possibilità di crescita ma anche di sensibilizzazione da parte dei normodotati che si ritrovano a fare spirito di squadra attraverso lo sport con i diversamente abili. Una serata voluta dall’artista e architetto Carmen Ignoto, presidente di Proiezione Calabria e con la raccolta fondi e sorteggio di una sua opera d’arte. Era presente anche l’artista Grosso che ha chiarito come il disegno, lo sport e l’arte in generale liberi la creatività dei ragazzi tutti e di come per i diversamente abili sia gioia pura quello che traspare dai loro disegni che in quella manifestazione del 17 è stato un vero tripudio di colori.  Alla fine della serata consegna degli attestati e di quadri creati da Carmen Ignoto che nel corso della settimana  a seguire dell’evento ha ricevuto i complimenti dal MINISTERO di GRAZIA e GIUSTIZIA CENTRO per la GIUSTIZIA MINORILE, dal Dipartimento di Salute Mentale di RC e CZ, dalla Casa Circondariale di CS e RC, dalle associazioni di LOCRI contro la violenza sulle donne, per una Festa di Natale colorando e disegnando con persone davvero speciali. Durante la serata la declamazione della poesia di Doris Pirri , la fisarmonica di Capalbo. Rinfresco ad offerta di Maria Teresa Cantone

Qui l’intervista a Fabrizio Grosso pittore e scultore di Proiezione Calabria 

Per il montaggio dei video è stata utilizzata Action Director con la base musicale Samsung

/www.youtube.com/watch?v=0NnNElYyU68

Servizio by Lucia De Cicco, moderatrice dell’incontro 

 

https://www.youtube.com/watch?v=c_cn1HbgRlU

Lucia De Cicco
CircaLucia De Cicco

Pubblicista OdG Calabria - Presidente dell'associazione culturale Nòstos Altri articoli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*