Gruppo Protezione civile territoriale per Castiglione Cosentino (CS)

prot 8Il sindaco di Castiglione Cosentino (CS) Dora Lio coordinerà il gruppo della Protezione civile del luogo, “Santi Niccolò e Biagio” che ha 44 membri, tra le più grandi realtà della diocesi cosentina, se ve ne sarà la necessità. Il presidente è don Salvatore Buccieri, parroco della cittadina. Il sindaco ha ripercorso la calda estate castiglionese devastata come gran parte del territorio calabrese dagli incendi e ha deciso di avvalersi della collaborazione di questo nutrito gruppo di cittadini, che si dividono in due sottogruppi, intervento ed eventi, formati a che’ tutto venga controllato e si arrivi tempestivamente a chè anche la popolazione si senta più al sicuro, cosa che gli incendi di quest’anno hanno fatto vacillare. Al tavolo dei relatori, sostituiva don Enzo Gabrieli il presidente Apa della protezione civile parrocchiale di Mendicino, perché trattenuto da impegni, sarebbe dovuto intervenire Carlo Tansi, della Protezione civile regionale, ma era assente per una emergenza, era presente il sindaco di Bisignano, Lo Giudice, che ha programmato un centro che si prenderà cura non solo del comune di Bisignano, ma anche degli altri comuni limitrofi, Luzzi, Rose, Santa Sofia, Castiglione, il  centro Com, che possa organizzare tra le varie amministrazioni la cooperazione tramite i canali di comunicazione per intervenire tempestivamente sul territorio. E’ intervenuto il sindaco di Rose, Bria che in questa estate ha avuto il primato degli incendi immediati al centro cosentino, che ha sottolineato l’importanza del senso civico, che nel Sud è risaputo sia carente. Biasi, sindaco di Lappano ha sottolineato l’importanza di avere sul territorio una presenza di persone attive in senso civico e ricordato la tragica fine di un giovane che qualche anno fa perse la vita in un incendio nel tentativo di difendere il suo podere proprio a Lappano. Apa, architetto, presidente Protezione civile Mendicino ha avuto la possibilità d’ intervenire nell’insegnamento del corso base di formazione della Protezione civile di Castiglione Cosentino danlistado la disponibilità ad intervenire in questo ambito formativo se vprot 6e ne fosse ancora necessità. 

Abbiamo ascoltato uno dei responsabili principali del gruppo di Castiglione Guerino Salvatore Intrieri, che ci ha dato informazioni precise sulla realtà, nata da un anno per volontà del sacerdote, per dare aiuto sul territorio in modo concreto, ma anche come presenza di sicurezza per la popolazione. “Siamo partiti in sei e ci siamo ritrovati in 44, un numero grande e pieno di volontà, entusiasti di fare ciò cerchiamo di migliorarci. Ad oggi abbiamo eseguito il corso base, ma data l’emergenza che abbiamo vissuto con gli incendi quest’anno vogliamo migliorarci e specializzarci per antincendi e fatto richiesta alla Protezione civile regionale di attivare altri corsi, come psicologia dell’emergenza. I corsi saranno a breve messi a disposizione dalla Regione e tutto al momento è fatto con i nostri mezzi economici, ma speriamo in una stretta collaborazione con Comune e Regione, sperando di ottenere fondi per potersi anche attrezzare, perché sono necessari anche i mezzi per poter svolgere una tale complessa attività, per il momento siamo attrezzati prot 2di grande volontà e di questo sono felice”.  I ragazzi della protezione civile hanno fatto dono di una pianta d’ulivo a chi negli incendi ha perso queste preziose piante.

Ha moderato Deborah Rocco

Servizio  di Lucia De Cicco, pubblicista

 

https://www.youtube.com/watch?v=wY6wgcdTqHo

21616092_1610136589060793_5665646408157408258_n

Lucia De Cicco
CircaLucia De Cicco

Pubblicista OdG Calabria - Presidente dell'associazione culturale Nòstos Altri articoli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*